Il nostro network: News | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Magazine | Wedding/Matrimoni
Mercoledì 21 Agosto 2019
English

Nuovo piano di indirizzo dimensionamento scolastico

Viterbo - (Provincia di Viterbo) Pubblica istruzione.

“Il Consiglio provinciale ha approvato il nuovo piano di indirizzo sul dimensionamento scolastico, recependo anche alcuni emendamenti che lo hanno notevolmente migliorato”. Lo ha approvato il Consiglio provinciale nella seduta del 27 novembre 2012.

E’ soddisfatto il consigliere provinciale Francesco Bigiotti, presidente della commissione Pubblica istruzione che ha lavorato alacremente per dare vita ad un piano che potesse rivitalizzare l’offerta formativa della Tuscia.

“Siamo riusciti con grandi sforzi – ha proseguito Bigiotti – a dare vita a un piano di indirizzo, da inviare in Regione, che di fatto tiene conto di tutte le esigenze e le istanze che ci sono state proposte dal territorio.

Credo che sia stato fatto un ottimo lavoro e che siano stati raggiunti degli ottimi risultati. Penso per esempio alla situazione di Civita Castellana, dove è stato deciso di prorogare per una anno la suddivisione dei poli scientifico e tecnico delle scuole superiori.

Ciò perché riteniamo fondamentale capire cosa accadrà all’ente Provincia nel futuro e vedere quali saranno le modalità di accorpamento con Rieti”.

“Un altro importante risultato – ha aggiunto il presidente Bigiotti – è stata la proroga di un anno alla chiusura della scuola elementare di Lubriano. Posticipare di 12 mesi è fondamentale perché si potrà, così, attendere la fine dei lavori al complesso di Bagnoregio che dal prossimo anno potrà ospitare anche gli alunni provenienti da Lubriano”.

“Di grande rilevanza – ha concluso Bigiotti – è anche la realizzazione a Bagnoregio del convitto per gli alunni provenienti dalle regioni limitrofe.

Un’opera che viene chiesta da quattro anni, e questa volta, vista la priorità con cui è stata inserita nel piano, si auspica venga realizzata.

Si tratterebbe di un’ottima occasione per dare vita, soprattutto in ambito agrario, ad un polo di prim’ordine con i ragazzi che una volta conseguito il diploma avrebbero l’occasione di proseguire gli studi all’università della Tuscia”.
 
Un ulteriore emendamento è stato presentato dal consigliere Alfio Meraviglia ed approvato dall'assise, col risultato che l’offerta formativa delle scuole tarquiniesi potrebbe arricchirsi di un nuovo indirizzo e di un nuovo istituto professionale.

Secondo i piani di palazzo Gentili, infatti, all’Iis Cardarelli di Tarquinia verrà attivato un Istituto professionale con indirizzo Socio-sanitario e, per completare l’offerta formativa dell'attuale Istituto tecnico, un nuovo corso di Agraria. 

“Con questa decisione - ha confermato soddisfatto, Meraviglia - il Consiglio provinciale ha posato le giuste basi per arricchire l’offerta formativa delle scuole del litorale. 

L’area sociosanitaria ha una evidente ricaduta  positiva sulla formazione professionale dei nostri studenti e andrebbe a soddisfare una grande richiesta da parte degli utenti del territorio. Mentre per il settore tecnico la scelta dell’agrario era praticamente obbligata, vista la vocazione agricola dell’intero territorio. 

Il tutto  salvaguardando le eccellenze formative provinciali già esistenti: Bagnoregio difatti vedrà la realizzazione di un convitto che servirà a rafforzare la sua capacità attrattiva”.

"Sono lieto che grazie alla collaborazione con la dirigenza scolastica locale e allo sforzo comune di tutti gli enti locali della zona, si sia giunti a questo importante successo. 

Il nuovo piano è ora nelle mani della Regione che avrà il compito, sulla base di queste indicazioni, di riorganizzare il sistema scolastico provinciale - ha aggiunto il consigliere provinciale - l'attuazione del piano ci permetterebbe di combattere la mobilità passiva verso gli istituti toscani ed in generale extra-provinciali, garantendo una maggiore sicurezza ed una riduzione dei costi di trasporto agli studenti che non dovrebbero più effettuare lunghi spostamenti. 

Evidenti sarebbero i vantaggi per le famiglie del litorale, come è evidente che questo arricchimento dell’offerta scolastica contribuisca a far divenire la nostra provincia un polo all’avanguardia nella formazione e nell'istruzione degli alunni. L’obiettivo è quello, soprattutto per ciò che concerne l’Agraria, di ricevere dalle zone limitrofe della provincia che poi, una volta diplomati, potranno proseguire gli studi all’università della Tuscia”.

“Con questa decisione - ha concluso Meraviglia - la Provincia ha dimostrato ancora una volta di prendere in considerazione le istanze del territorio, di qualsiasi colore politico esse siano, perché in primis va messo il bene della collettività e del territorio”.

Anche a Orte, l'offerta formativa per gli alunni delle scuole superiori si arricchisce di tre nuovi corsi. 

Su proposta  del consigliere provinciale Francesco Galli, l'aula  ha integrato la proposta approvata dal Tavolo tecnico, che prevedeva il riconoscimento del solo indirizzo Trasporti e logistica, accogliendo integralmente le richieste avanzate dalla scuola e condivise dalla giunta municipale di Orte.

Quindi, la richiesta che sarà presentata in Regione da palazzo Gentili riguarderà l’istituzione di tre nuovi corsi all’istituto Besta di Orte: Istituto tecnico – settore tecnologico/indirizzo trasporti e logistica, Liceo delle Scienze umane, Istituto tecnico – settore economico/corso serale in amministrazione finanza e marketing (da attivare  nella sede di Civita Castellana).

“Con l’attivazione dei nuovi corsi – ha detto il consigliere Galli – il Besta amplia ed aggiorna l’offerta formativa. L’indirizzo trasporti e logistica, è mirato a formare i giovani studenti con l’obiettivo di offrire loro un’apertura professionale e occupazionale, a vari livelli, nell’Interporto Centro Italia che sta sorgendo proprio ad Orte.

Orte è un punto strategico,  ben collegato con il resto della provincia e quindi facilmente raggiungibile su strada e ferrovia anche dai ragazzi provenienti dalle zone limitrofe; inoltre, puntare sull’istruzione rappresenta un ottimo investimento per il futuro dei nostri ragazzi e non solo”.

L’offerta formativa , infatti, è rivolta  anche ai più grandi: “L’idea di istituire un corso serale – ha aggiunto – nella sede di Civita Castellana nasce con l’obiettivo di favorire l’istruzione anche alle persone più grandi, che lavorano e che hanno deciso di tornare sui banchi per migliorarsi e/o migliorare la propria posizione occupazionale. Per loro è sicuramente un’occasione importante”.

[Fonte: Viterbo OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia

Mappa

Calcola percorso in auto