Il nostro network: News | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Magazine | Wedding/Matrimoni
Mercoledì 18 Settembre 2019
English

Booking.com

Maggio 2015: le storiche feste di primavera della Tuscia viterbese. I programmi

Viterbo - Pubblichiamo i programmi delle principali feste di primavera storiche della Tuscia viterbese in svolgimento nel mese di maggio. ***   Lo Sposalizio dell albero a Vetralla Venerdì 8 maggio 2015: si tiene a Vetralla, nell area antistante l Eremo di Sant Angelo, una delle più celebri feste di primavera della Tuscia viterbese, lo Sposalizio dell albero.Con il secolare rito, la comunità vetrallese riconferma il possesso dei boschi di Monte Fogliano, donati da Papa Eugenio IV nel 1432. La festa prende il via nella prima mattinata, con un corteo di figuranti in costume che raggiunge l Eremo.L atto di possesso consentirà poi di dar vita al momento clou del suggestivo appuntamento: unire in matrimonio due alberi, un cerro e una quercia, adornati e uniti con veli e fiori selvatici. Il programma: Ore 9,30 (Vetralla, piazza Vittorio Emanuele):Partenza del corteo storico e sfilata in costume d epoca alla volta di Monte Fogliano con la partecipazione del Gruppo sbandieratori, dei Cavalieri, del complesso bandistico O. Pistella , del gruppo delle Popolane vetrallesi, gli alunni delle scuole Ore 11,00 (Piazzale antistante l Eremo di S. Angelo):Cerimonia dello Sposalizio dell albero per il rinnovo del possesso del Bosco e dell Eremo. Imbandigione : rinfresco offerto a tutta la cittadinanza Ore 16,30 Passeggiata all eremo di San Girolamo con partenza da largo Marconi, con la partecipazione del nucleo di valutazione ambientale del Corpo forestale dello Stato di Viterbo Info: Comune di Vetralla - Telefono: 0761 46691, Fax: 0761 461686; E-mail: segreteria@comune.vetralla.vt.it Sito internet: http://www.comune.vetralla.vt.it     *** ( ) ***     La festa delle Passate ovvero la Barabbata di Marta Giovedì 14 maggio 2015: come accade da secoli, esplode a Marta, centro affacciato sul lago di Bolsena, la Barabbata (ovvero le Passate in onore della Madonna del Monte), spettacolare festa di primavera che affonda le sue radici nei riti pagani propiziatori. Un multicolore e vociante corteo, composto dai rappresentanti delle corporazioni professionali (Casenghi, vale a dire gli uomini di fiducia dei proprietari delle terre; Bifolchi, cioè coloro i quali aravano la terra con l aratro a chiodo trainato da buoi; Villani, gli agricoltori veri e propri; i Pescatori) e punteggiato da carri allegorici, sfilerà per le vie del paese. Il corteo raggiunge il santuario della Madonna del Monte, luogo deputato alla celebrazione vera e propria del rito, appunto le Passate , offrendo alla Madonna i frutti delle terra e del lago, con distribuzione delle tradizionali ciambelle. Il programma:   ore 4,30: Si saluta l alba con spari di petardi, rulli di tamburo, campane a distesa, cori dei partecipanti al corteo che prende le mosse da via Laertina   Ore 6,00:Al santuario della Madonna del Monte, santa Messa celebrata dal vescovo Lino Fumagalli   Ore 9,00:Sfilata della banda che accompagnerà i Signori della quattro corporazioni verso il raduno dei partecipanti   Ore 9,30:Corteo storico e carri allegorici lungo il Paesi fino ad arrivare al santuario della Madonna del Monte.Ordine di apparizione: Casenghi a cavallo; Bifolchi ; Villani , Pecatori;   ore 11,30:Al santuario: Santa Messa solenne cantata dalla Schola cantorum mons. Liberato Tarquini Dopo il rito religioso, le Corporazioni effettueranno le tre Passate quale omaggio alla Madonna del Monte   Ore 17,00:Al suono dei tamburi, raduno e sfilata dei Casenghi per la consumazione del tradizionale rinfresco   Ore 20,00:in piazza Umberto I, tombola   ore 22,30:Sul lungolago, spettacolo pirotecnico   Info: Comune di Marta, telefono 0761.87381 / 873823; Fax 0761.873828; E-mail urp@comune.marta.vt.it     *** ( ) ***     I Pugnaloni di Acquapendente   I Pugnaloni (cioè pungoli , bastoni di legno): si tratta di grandi pannelli (3,60 x 2,60) realizzati a mosaico con foglie e fiori e rappresentano il tema della libertà contro ogni forma di oppressione. La sua origine, infatti, si fa risalire ad uno degli episodi principali della storia di Acquapendente: il miracolo della Madonna del Fiore avvenuto nel lontano 1166.   In quel periodo la cittadina dell Alto Lazio era governata da un governatore di Federico Barbarossa. E più facile che quel ciliegio ormai secco da anni endash; dissero un giorno i cittadini, stanchi di essere oppressi endash; che il nostro paese possa liberarsi dall invasore .   E invece accadde che il ciliegio improvvisamente fiorisse e che il prodigio fosse considerato un segno divino della Madonna e, nel contempo, letto come una sorta di incitamento agli aquesiani a reagire e organizzare la rivolta contro il tiranno.   Il programma Domenica 17 Maggio 2015   Ore 9.30: Con ingresso da Piazza del Duomo: esposizione dei Pugnaloni nel centro storico   Ore 11.00: Basilica del Santo Sepolcro: Messa Solenne   Ore 15.00: Piazza Basilica del S. Sepolcro: arrivo dei Pugnaloni, esposizione e confronto   Ore 16.00: Centro Storico: Sfilata corteo storico Città di Acquapendente e Sbandieratori Madonna del Fiore   Ore 16.30: Piazza G. Fabrizio: Gioco delle bandiere   Ore 18.00: Dalla Basilica del S. Sepolcro alla Piazza del Comune: tradizionale sfilata dei Pugnaloni   Processione con la statua della Madonna del Fiore con la partecipazione del Signore di Mezzo Maggio   Ore 19.00: Piazza G. Fabrizio: Estrazione del Signore di Mezzo Maggio anno 2015   Ore 19.30: Palazzo del Comune: Proclamazione e premiazione del più bel Pugnalone   Info: 0763.37309206; ; www.comuneacquapendente.it   ***   (lunedì 4 maggio 2015)   a cura dell'urp@provincia.vt.it  

DISCLAIMER: Questo articolo è stato emesso da Provincia di Viterbo ed è stato inizialmente pubblicato su www.provincia.viterbo.gov.it. L'emittente è il solo responsabile delle informazioni in esso contenute.

[Fonte: Viterbo OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia

Viterbo OnLine pubblicità

Booking.com