Il nostro network: News | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Magazine | Wedding/Matrimoni
Giovedì 22 Agosto 2019
English

La stagione estiva 2015 al Teatro romano di Ferento. Gli spettacoli in cartellone

Viterbo - I prossimi appuntamenti:    venerdì 31 luglio 2015, ore 21,00   JuniOrchestra: l Orchestra dei ragazzi dell Accademia Nazionale di Santa CeciliaDirettore: Maestro Simone Genuini La JuniOrchestra dell Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Praemium Imperiale 2013, è la prima orchestra di bambini e ragazzi creata nell ambito delle fondazioni lirico-sinfoniche italiane. Nata nel 2006 per volontà di Bruno Cagli, è attualmente composta da circa 300 strumentisti, suddivisi in quattro gruppi a seconda della fascia d età.I ragazzi vengono avvicinati al più grande repertorio sinfonico ed eseguono musiche che spaziano da Rossini, a Mozart, Vivaldi, C¡ajkovski, Bartók, Puccini, Beethoven e molti altri, nella loro versione originale. Oltre a ciò i giovani musicisti si cimentano nel repertorio cameristico, seguiti da insegnanti di grande esperienza fra cui spiccano i professori dell Orchestra dell Accademia Nazionale di Santa Cecilia. L esperienza d orchestra rappresenta una grande occasione per imparare a suonare con gli altri, ad ascoltare e ad ascoltarsi, condividendo il meraviglioso mondo della Musica.Negli anni la JuniOrchestra è stata diretta importanti direttori come Sir Antonio Pappano, Steven Mercurio, Mario Brunello, Fabio Biondi, Nicola Piovani e Joel Levi. Il suo direttore principale è il M° Simone Genuini. (ingresso libero)     *** Sabato 1 agosto 2015, ore 21,00   Il Vantone , di Pier Paolo Pasolini, con Ninetto Davoli ed Edoardo Siravo, dal Miles Gloriosus di Plauto In occasione dei 40 anni dalla morte di Pier Paolo Pasolini, Ferento dedica al grande scrittore, regista, e intellettuale italiano, l appuntamento teatrale con Il Vantone, traduzione dialettale romanesca del Miles Gloriosus di Plauto, operazione letteraria che all epoca della sua elaborazione nel 1963, destò più di una attenzione. Ninetto Davoli, dal carattere simpatico, con la tipica parlata romanesca e con un sorriso aperto, viene scoperto da Pier Paolo Pasolini che, dopo avergli affidato una comparsata nel film Il Vangelo secondo Matteo (1964), lo sceglie come coprotagonista, al fianco di Totò, nel film Uccellacci e uccellini (1966) e, successivamente, negli episodi La Terra vista dalla Luna (Le streghe, 1967) e Che cosa sono le nuvole? (Capriccio all italiana, 1968). Comincia così un lungo sodalizio professionale e umano (sin dal 1963), destinato a interrompersi a causa della tragica scomparsa del poeta e regista. È proprio Davoli a effettuare il riconoscimento del cadavere di Pier Paolo Pasolini, la mattina del 2 novembre 1975, dopo l assassinio del regista. Edoardo Siravo: attore e regista, ha recitato nelle compagnie teatrali più rilevanti del panorama nazionale in oltre 120 spettacoli. Ha lavorato e lavora anche nel cinema, in televisione e nel doppiaggio, collaborando con importanti registi e attori del calibro di Gassman, Patroni Griffi, Verdone, Redgrave e Proietti.   ***   Domenica 2 agosto 2015, ore 21,00   Arsenico e vecchi merletti di Joseph Kesselring, con Ivana Monti, Paola Quattrini, Sergio Muniz e la partecipazione dei comici Pablo e PedroRegia Giancarlo Marinelli E giusto aiutare qualcuno a congedarsi dalla vita quando vengono a mancare il sorriso, l amore o anche solo la speranza della felicità? E giusto proteggere un fratello assassino e un fratello pazzo ad ogni costo, coprire i loro misfatti in nome del sacro vincolo familiare? E giusto rivelare ad un figlio adottato in fasce e ormai divenuto un uomo che quella non è la sua famiglia naturale? Non cercate la risposta in un libro di filosofia, in un trattato di sociologia e nemmeno tra le vette dipinte da Shakespeare o da Strindberg. Non cercate la risposta nella tragedia greca, né nella disgraziata famiglia del Commesso Viaggiatore.Troverete tutto, invece, in Arsenico e Vecchi Merletti di Joseph Kesselring. Un capolavoro che è ad un tempo giallo e commedia; operetta morale e macchina comica, dove si pensa con il sorriso e si sorride con il pensiero. Pensate un po , da bimbo, mia madre me la raccontava come una favola: C era una volta una grande casa con due vecchie signore, un cimitero, una cantina, un matto che suona la tromba e un mostro alto due metriehellip; . Mia madre finiva la storia e io le chiedevo: Ma la morale? Quale è la morale? . Lei non mi rispondeva. Venite a teatro. Sarò io a raccontarvi questa favola. Ma non la morale. Quella la racconterete voi a me.(Giancarlo Marinelli)   ***   Martedì 4 agosto 2015, ore 21,00   Tato Russo in Menecmi da PlautoRegia di Tato Russo   Cavallo di battaglia del Tato Russo attore, Menecmi ha avuto decine di riprese ed ha collezionato negli anni più di 600 repliche .La riscrittura originale di Tato dell originale plautino conserva tutto il suo plebeismo, tutti i suoi caratteri di teatro popolare ma ne amplia a tal punto l efficacia e il divertimento così da farlo diventare un capolavoro autentico dell arte comica. 18 volte confessò d averlo visto uno spettatore insaziabile. E insaziabili sono ogni anno le richieste degli spettatori di ripresa di questo spettacolo in cui Tato Russo si consacra attore specialissimo e dalla straordinaria comunicativa. Due ore di risate assicurate, un meccanismo comico perfetto, una grande prova di attore per Tato osannato dalla critica e dal pubblico per questa straordinaria interpretazione. Il divertimento è continuo e Tato Russo è impeccabile a passare scenicamente e, diremmo, psicologicamente, dall uno all altro menecmo sino alla bagarre finale   *** Mercoledì 5 agosto 2015, ore 21,00   Maurizio Mattioli in Il Conte Tacchia , commedia musicale di Toni Fornari con un cast di venti artisti; musiche di Enrico BlattiRegia e coreografie di Gino Landi La meravigliosa città di Roma, un personaggio esilarante, una storia avvincente, un cast di grandissimi artisti sono gli ingredienti della commedia musicale più divertente ed emozionante della stagione! Il Conte Tacchia tratteggia con grande comicità e garbo una delle figure più celebri di Roma a cavallo tra l 800 e il 900. Adriano Bennicelli, detto il Conte Tacchia con le sue rocambolesche avventure diverte ed emoziona. ?Eccezionale interpretazione, nel ruolo del Principe, di Maurizio Mattioli, più grande rappresentante della romanità dei nostri giorni che, dopo averci stupito nei panni di Mastro Titta, è pronto a scrivere pagine di storia con questo nuovo e inedito personaggio. Una favola ideata da uno degli autori più popolari del panorama teatrale, Toni Fornari. ?Venti canzoni originali, composte dal maestro Enrico Blatti, per raccontare un epoca. ?na regia, energica e moderna che attinge da un glorioso passato si innerva nel presente per conquistare il futuro, curata magistralmente dall indiscusso maestro della commedia musicale italiana Gino Landi.   *** Giovedì 6 agosto 2015, ore 21,00   Maurizio Battista Ero felice e non lo sapevo , di Riccardo Graziosi e Maurizio Battista   Le emozioni sono componenti fondamentali dell esistenza. Vivere appieno significa sperimentare gioia, paura, passione, amore, nostalgia, sofferenza, allegriaehellip; Tutte sensazioni che rendono colorata la nostra vita. Tuttavia da sempre il pensiero e la filosofia si incentrano sulla ricerca dell emozione più grande: la ricerca della felicità. Che cos è la felicità? É vero che i soldi rendono felici? E vero che basta poco per essere felici? La felicita è davvero un bicchiere di vino con un panino come cantavano Al Bano e Romina? Sì! Oggi però bisogna sapere che vino è, che pane è e che companatico ci metti dentro. Mica basta un semplice panino con la mortadella!In questo spettacolo scritto a quattro mani con Riccardo Graziosi, Maurizio Battista si interroga e ci interroga se davvero la felicità è una piccola cosa Che cosa ci rende felice, una viaggio alle Maldive o una scampagnata tra amici? Ho riconosciuto la felicità dal rumore che ha fatto andandosene (J. Prevert). Era mia moglie che se ne andava da casa . Questa è una delle tante citazioni, dei tanti aforismi e modi dire sulla felicità che Maurizio scandaglierà. La felicità è una piuma che solletica il nostro animo, ma bisogna trovare qualcuno disposto a solleticarci. Sicuramente un buon viatico per iniziare è Ero felice e non lo sapevo , il nuovo spettacolo di Maurizio Battista, accompagnato sul palco dalla sua storica band di quattro elementi. Un momento di assoluta felicità. *** Sabato 8 agosto 2015, ore 21,00   Michele Paulicelli in Forza Venite Gente L edizione originale del musical con la partecipazione straordinaria di Roberto D Alessandro   Forza venite gente è il musical teatrale incentrato sulla vita di San Francesco d Assisi, messo in scena da Michele Paulicelli per la prima volta nel 1981 con testi in prosa e versi di Mario Castellacci, Piero Castellacci e Piero Palumbo. Debuttò il 9 ottobre 1981 al Teatro Unione di Viterbo, mentre l edizione più famosa, dalla quale è anche stata tratta la registrazione ufficiale, è quella messa in scena nel 1991 sul sagrato della Basilica Superiore di S. Francesco d Assisi di fronte a Giovanni Paolo II.Oggi il musical torna in scena con immutata freschezza, grazie alle canzoni soft rock molto orecchiabili e all originalità della trama. A rispolverare questa bella commedia musicale ha provveduto un cast di tutto rispetto con Michele Paulicelli che vestirà ancora una volta il saio di Frate Francesco e Roberto D Alessandro che indosserà i ricchi abiti di Pietro Bernardone per narrare al pubblico la storia del poverello di Assisi, tra la semplicità della sua fede e i tormenti irosi di un padre laico e pragmatico. La Cenciosa, interpretata da Rachele Giannini, sarà l altra grande protagonista di questo racconto in musica che fin dal suo debutto non ha mai smesso di essere in tour. Sul palco anche Roberto Bartoletti (il Lupo, il Diavolo) e Rita Tomassetti Galdieri (l Angelo Biondo, la Provvidenza), due interpreti che da tempo affiancano Paulicelli. Forza venite gente ha una struttura originale rispetto ai soliti musical. Personificazioni sul genere del teatro medievale inglese delle Morality Plays (le personificazioni del male, della povertà, del lupo, della morte sono parti integranti della storia), la caratterizzazione del papà Bernardoni e della Cenciosa (gli unici personaggi parlanti dello show) e la forte umanità di Francesco (toccante il duetto d amore con Santa Chiara) fanno comprendere come a volte se ci sono le idee si può realizzare un bello spettacolo anche senza potenti mezzi. Un viaggio personale e spirituale accompagnato dalla musica, che culmina nell'incontro di Francesco con il Diavolo (che inutilmente vorrebbe indurlo in tentazione) e nella sua preghiera più bella: quel Cantico delle Creature che esplode nella canzone finale Laudato sii .   *** Martedì 11 agosto, ore 21,00   Galà di danza. Tributo a Rudolf NureyevSolisti internazionali presentano passi a due dai più celebri balletti del repertorio classico Rudolf Nureyev, il più grande ballerino di tutti i tempi il cui talento rimane ancora oggi ineguagliato, ha segnato un epoca dal punto di vista interpretativo e creativo nella storia della danza del 900. Eccelso danzatore, le cui doti espressive e virtuosistiche hanno esaltato talento ed irrequieta genialità, si univano ad un incredibile carisma ed una presenza scenica unica ed ammaliante. Le sue coreografie, hanno saputo infondere nuova linfa ai classici del repertorio, rivitalizzandoli con un perfetto equilibrio tra modernità e tradizione. Ancora, come intelligente scopritore di nuovi talenti, Nureyev ha saputo motivare alla passione per la danza e alla ricerca per la perfezione tecnica tante giovani promesse, che oggi, arricchite dal suo prezioso bagaglio artistico, fanno rivivere la sua ispirazione nel galà di danza a lui dedicato. Per rievocare il grande mito danzeranno talentuosi solisti e ballerini internazionali per far rivivere una figura leggendaria in una serata davvero speciale.   *** ( ) ***   Una manifestazione a cura di Consorzio Teatro Tuscia   Info: http://www.teatroferento.it   *** ( ) ***   (lunedì 27 luglio 2015 - aggiornata venerdì 31 luglio) a cura dell'Ufficio relazioni con il pubblico, urp@provincia.vt.it    

DISCLAIMER: Questo articolo è stato emesso da Provincia di Viterbo ed è stato inizialmente pubblicato su www.provincia.viterbo.gov.it. L'emittente è il solo responsabile delle informazioni in esso contenute.

[Fonte: Viterbo OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia